succedeva a Jesi il 4 novembre 1918

La storia a volte può essere anche su una cartolina… E’ il 5 novembre 1918, il giorno dopo l’annuncio della vittoria da parte del generale Diaz.

La notizia è arrivata anche a Jesi, nella provincia marchigiana, e la gente esce, festeggia. Guido é felice ed eccitato, partecipa ai festeggiamenti e poi scrive al suo amico Enrico, racconta e chiede notizie.

L’entusiasmo é tale che la scrittura invade tutto lo spazio per raccontare i particolari delle manifestazioni.

cartolina Jesi verso” Carissimo qua da ieri si fanno cortei e dimostrazioni lungo il corso tutto imbandierato.

La notizia a Jesi è giunta l’altra sera e subito hanno fatto un corteo e un piccolo discorso poi ieri alle 2 e mezzo del pomeriggio hanno fatto una dimostrazione dall’Arco Clementino fino alla Piazza con bandiere, alle 4 e mezzo dalla terrazza del comune ha parlato prima il Sindaco poi il capitano di vascello Osti, comandante dell’angar * e in ultimo il professor Paladini.

E per completare meglio la festa sono usciti fuori due dirigibili imbandierati  gettando bigliettini.

cartolina Jesi recto

E alla sera i pompieri hanno levato le lampade opache e hanno messo quelle solite e così il corso e le altre vie sono tornate come prima della guerra.

Ti ha fatto impressione questa grande vittoria così precoce?

Finalmente siamo riusciti a conquistare i vecchi confini che da tanto tempo si desiderava. Fammi sapere le impressioni tue e del popolo e quello che c’è stato. Scrivimi presto Addio tuo Guido”

La cartolina é arrivata per caso nelle mie mani nel 2011, quando stavamo festeggiando i 150 anni dell’unità d’Italia e qui, nella cartolina di quasi un secolo fa, si era felici perché  “finalmente siamo riusciti a conquistare i vecchi confini …” Nelle parole di Guido c’è anche tanta retorica e molto orgoglio per quella vittoria che forse non era stata poi così “precoce” se si pensa agli anni e anni di trincee… Ma nel giorno della vittoria un po’ di entusiasmo si può perdonare…

images
una cartolina trovata sul web con i saluti dal Campo di Aviazione di Jesi

Quello che avrei davvero voluto vedere sono i due dirigibili imbandierati che lanciano bigliettini: uno spettacolo davvero entusiasmante… cose che potevano succedere a Jesi allora, quando avevamo una aeroporto e anche dei dirigibili ecco perché nella cartolina si parla di “angar”*

 

 

succedeva a Jesi il 4 novembre 1918ultima modifica: 2019-11-03T07:00:06+01:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *