piccole storie negli ex-voto

DSCN4423 copiaIl Santuario delle Grazie di Rasiglia, fra Colfiorito e Foligno, nascosto nel verde in una delle pieghe remote dell’Appennino umbro-marchigiano, custodisce una quantità di ex voto  che sono esposti nell’abside dietro l’altare.
Ognuno  è una storia, piccola forse per chi guarda distrattamente, ma che è stata importante e spesso drammatica per chi l’ha vissuta tanto che l’ha affidata nelle mani della Madonna delle Grazie che si venera qui, una madonna rurale, umile e modesta, come sono le storie dei suoi fedeli…

pioggia

in ringraziamento di una pioggia del 1865!!

la bimba

la guarigione di una bimba dall’epilessia

ostaggi

salvati dai tedeschi: nel giugno del 1944 22 ostaggi vennero rastrellati dopo l’incendio del loro paese e tutti insieme pregarono la madonna delle Grazie di Rasiglia… alla sera vennero liberati “riconoscentissimi forniscono questa perenne memoria”

il carroincidenti di un altro secolo: il carro che si ribalta all’inizio del ‘900

i soldati

tante, tantissime sono le immagini dove si raccomanda la salvezza dei familiari andati in guerra… chissà se poi il ritorno ci sarà stato: ormai le scritte sono spesso difficili da leggere. Commoventi i fiori di carta ad ornamento…

carro e bimbo

ancora un carro un soldato e insieme un bavaglino… chissà cosa c’è scritto

cessi la guerra

un ex voto pacifista: “Maria Santissima pregate il Vostro Divin Figlio Gesù che cessi questa orribile guerra che i nostri cari ritornino al più presto alle loro case” 1917

il rapito

Una delle più recenti: il primo bambino rapito in Umbria e ritrovato dopo soli tre giorni.

Mi è venuta la curiosità di tornare e tentare di leggere anche quello che ho trascurato perchè davvero su questo muro ci sono i racconti e le vite di una comunità che vive appartata ma che è stata comunque raggiunta dalla Storia e dalla tragedia

 

 

piccole storie negli ex-votoultima modifica: 2016-07-19T10:40:02+00:00da scanfesca

Questo elemento è stato repostato da

  • Avatar di ruggerorespigo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*