ai caduti su tutti i fronti

Sulla facciata della chiesa di Palazzo di Arcevia le lapidi che ricordano i morti delle ultime guerre… il dolore è lo stesso ma il modo di ricordare è diversissimo:

DSCN1275 copia

I morti della prima guerra mondiale vengono ricordati con l’enfasi della retorica guerrafondaia e dannunziana del tempo:

“caduti per la patria / in olocausto della propria terra /artieri (?) della redenzione nazionale /araldi della civiltà /auspici un sodale di gloria /il popolo consenziente plaudente 1919”

poi per la seconda guerra mondiale una targa severa e neutrale…

“Caduti guerra 1940-45” : ci sono i nomi dei militari e dei civili caduti… nessuna parola…

l’altra targa, dedicata a  “Ai  caduti su tutti i fronti della guerra 1940- 45” del novembre 1965 riporta i versi di Giuseppe Ungaretti

“Cessate d’uccidere i morti,
Non gridate più, non gridate
Se li volete ancora udire,
Se sperate di non perire.s

Sono  tratti da  NON GRIDATE PIU’

che finisce poi con

“Hanno l’impercettibile sussurro,
Non fanno più rumore
Del crescere dell’erba,
Lieta dove non passa l’uomo.”

enfasi-poesia copia

Sono passati poco più di 50 anni ma l’idea che hanno della guerra anche qui, nel remoto borgo di pietra di Palazzo, arrampicato sulla rupe del Monte Caudino, è del tutto cambiata.

Dalla retorica pomposa e guerrafondaia della lapide del 1919, così verbosa e astrusa ( e anche piena di errori) tanto arzigogolata da essere incomprensibile, soprattutto ai poveri montanari analfabeti di allora si è passati alla neutralità della lapide per i caduti del 1940-45 e poi, finalmente, al rifiuto della guerra espresso con una scelta raffinata e colta, quella della poesia di Ungaretti.

E la dedica “ai caduti su tutti i fronti” di una guerra che ha visto gli italiani battersi su posizioni diverse e contrastanti è significativa anche perché siamo in una terra dove le stragi di partigiani e di fascisti hanno a lungo avvelenato la vita civile.

 

 

 

 

ai caduti su tutti i frontiultima modifica: 2015-08-29T15:30:42+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*