“con le mie mane”

A Castropignano (Campobasso) un portale che racconta un personaggio e una storia di quelle che non entrano nei libri, ma disegnano con ricchezza ed evidenza un modo di essere e di vivere.

DSC_3239In questi paesi dell’Appennino centrale la pietra ha un ruolo importante: architravi, portali, finestre, anche di case modeste,  sono spesso ornati da pietre scolpite con perizia e  con scritte intriganti.
Forse chi lavorava la pietra sentiva l’importanza del proprio lavoro che, faticoso e durissimo, dava però spesso vita  a qualcosa che sarebbe rimasto nel tempo, sotto gli occhi di tutti; mi spiego così l’orgogliosa sicurezza con cui si presenta PASCALE BORSELLA che si ritrae sulla chiave dell’arco del portale della sua casa.

DSC_3235 copia

Lo sguardo fiero dice l’orgoglio di sé e se non bastasse  incide queste parole:

” IO SONO PASCALE BORSELLA
SCOLPITO CON LE MIE MANE
A.D. 1882
CHI MI DICI CA NON SO BUONI
SARA MURI’ ACCISE….”

il tempo ha cancellato il finale di questo anatema, ma è facilmente intuibile.

DSC_3237

 

 

 

 

DSC_3238

Davvero un ritratto efficace e significativo a cui (magia di facebook) un discendente aggiunge particolari davvero interessanti.
Dice Raffaele Sardella :
“il mio trisavolo Pasquale Borsella di mestiere scalpellino, suo padre era Nicodemo Borsella proprietario armentizio morto assassinato da un pastore, suo figlio fu Nicola Borsella di mestiere ebanista, mia nonna Maria Borsella di mestiere ricamatrice …”
Ecco gli elementi che tratteggiano il “romanzo” di una famiglia e il profilo autentico di una società ci giungono attraverso la pietra scolpita e i ricordi sono arrivati fino a noi.
Pasquale Borsella ci sapeva fare e aveva ragione di essere fiero di sé.

DSC_3236

Devo le immagini alla cortesia dell’Arch. Franco Valente e la citazione a Raffaele Sardella, discendente di Pasquale.

“con le mie mane”ultima modifica: 2015-07-12T09:33:17+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo
One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*