postaaa!

A Monteleone di Spoleto, dove già ho trovato tante storie da raccontare, c’è anche questa che riguarda il servizio postale.

la posta copie.jpeg

Sotto la torre che proteggeva la porta di accesso ai luoghi più importanti della città, quindi un luogo di grande passaggio, si trova questa bella pietra scolpita che ci racconta di come funzionava la posta nel 1700.

Buca-lettere-marmo-1700 copia 2.jpg ll servizio postale era espletato dal maestro di posta chiamato luogotenente.

Sotto il controllo del comune doveva recarsi a Spoleto due volte la settimana per prelevare la posta e lasciare quella da spedire.

Uno di questi luogotenenti, Gasparo Rosati da Calvi,  nel 1707 ha lasciato questa elegante pietra dove venivano “imbucati” i plichi che poi cadevano nel piccolo vano sottostante, chiuso da uno sportellino di cui solo in tre avevano la chiave: il tenente, un ufficiale del Comune e un fiduciario.

Insomma il servizio postale era curato e tenuto in gran conto… ogni comparazione con l’oggi è banale e anche inutile!

postaaa!ultima modifica: 2013-11-10T10:21:00+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*