le pietre di Matera, non i Sassi

matera1.jpgIl titolo non é sbagliato, voglio parlare delle pietre di Matera, non dei Sassi.

Da più di vent’anni quasi ogni anno sentiamo il bisogno di tornare a Matera e camminare, camminare per le strade, le scale, fra i muri, i tuguri, le grotte, le chiese, gli spiazzi, i cortilini, i minuscoli orti.

Ma fra tutti i luoghi amati questo è quello che più mi emoziona, dove immancabilmente vado per restare un po’ lì a guardare e  riflettere. E’ lontano dai percorsi turistici, in una zona dove non c’é  niente da recuperare e così fin qui i restauri non sono arrivati lasciandolo intatto.

Sonoi gradini di un vicolo chissà quante volte percorso, da quanti piedi, tanti al punto di consumarli.

Anni, secoli forse, di passi, di fatiche, di gente, di giochi, di corse passati di qui che hanno segnato la pietra modellandola, lasciando il segno.

E’ quel segno che mi attira e che vado ogni volta a contemplare

 

le pietre di Matera, non i Sassiultima modifica: 2011-11-24T10:36:53+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *